.
Annunci online

abbonamento

Cinquanta euro a voto


Tre settimane fa Giustizia e libertà mi ha invitato a Lucera per parlare di legalità e di Costituzione. Io vado sempre quando mi invitano, anche se la prospettiva è di parlare a 10 persone (è capitato). Ma è andata bene, la sala teneva 100 posti e c’era molta gente in piedi. Forse qualcuno ha appreso qualcosa che ignorava; tra questi certamente io. Perché, prima dell’incontro, siamo andati a prendere un caffè. I 3 rappresentanti locali di Giustizia e libertà, Antonio, consigliere comunale eletto in una lista indipendente, e io. E abbiamo chiacchierato. Mi hanno spiegato che lì, a Lucera e in tutto il profondo Sud, i voti si comprano.

“Ma va? - ho detto - lo so già: promesse di variazioni del piano regolatore, di appalti etc.”. “Ma no - mi hanno detto - è molto più miserabile. Qui un voto costa 50 euro. In piazza, nelle vie del centro, c’è sempre una massa di giovani: disoccupati, privi di interesse, depressi. Il candidato li avvicina uno per uno (bisogna andare presto, come quando si va a pesca, perché se no ti precedono) e offre 50 euro a chi lo vota; la prova è una fotografia della scheda fatta con il cellulare”. “Ma non si può portare il cellulare in cabina!”. Si sono messi a ridere. “Poi - mi hanno detto - ci sono altri mezzi. Per ogni elezione c’è un numero spropositato di rappresentanti di lista, 100 euro l’uno. Io ti nomino e ti pago però tu voti per me. E poi ci sono gli scrutatori. Sono nominati dalla Commissione elettorale con il sistema proporzionale, ogni candidato ha diritto a un certo numero di nomine. 500, 600 euro, mica male per un disoccupato. Io ti faccio nominare ma tu mi voti. Alla fine - mi hanno detto - a Lucera, per farsi eleggere servono da 200 a 300 voti, con 15.000 euro te la cavi”. 

Il sistema naturalmente vale anche per le elezioni di grado superiore: provinciali, regionali, politiche. Solo che lì si va a pacchetti. Il candidato arriva con una valigia piena di soldi, si rivolge al politico locale che gli passa i suoi elettori: naturalmente bisogna pagarli. Un’elezione regionale costa 50.000, 60.000 euro. “Ma lo sai che comprano i voti dei Rom? Un campo nomadi costa 4.000 o 5000 euro”. E tutto questo, hanno concluso, è trasversale: tutti agiscono così. “Ma non li potete denunciare?”, ho chiesto io. E mi sono beccato la mia lezione di diritto. “Sì, ci abbiamo pensato; abbiamo anche parlato con qualche avvocato. Metti che li becchiamo in flagranza: facciamo intervenire i Carabinieri mentre il candidato dà al ragazzotto 50 euro. Vergogna, voto di scambio! Ma che dici, gli ho chiesto di comprarmi le sigarette”. L’ho tradotto in giuridichese: il fatto non sussiste (oppure, secondo altra giurisprudenza, il fatto non costituisce reato). 
“Servirebbero un po’ di pentiti”, ho detto. Sì come no, a Lucera e dintorni. Il disoccupato che denuncia il candidato che, oltre ai soldi, gli ha promesso un lavoro. Perché di promesse così, prima delle elezioni, ce n’è una nuvola; poi, come ha detto Antonio, cambiano la sim del cellulare. Non è che, alla fine, fossi molto in forma. Antonio mi ha letto nel pensiero. “Ma tu ci pensi - mi ha detto - che a piazza Tien an Men sono morti per avere un diritto che qui si vende a 50 euro”.    
 
da Il Fatto Quotidiano, 15 ottobre 2010


sfoglia settembre        novembre
Prossimi appuntamenti
Archivio


Blog letto1 volte
Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom



Diffondi

toghe rotte

incolla il codice sottostante nel tuo blog o sito